Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto attuativo sulla trasparenza

Via libera definitivo da parte del Consiglio dei ministri al decreto attuativo della riforma P.a sulla trasparenza, che introduce il Foia (Freedom of information act), ossia il diritto di accesso agli atti e ai documenti della P.a da parte dei cittadini. Il coordinamento formale del testo, secondo quanto si apprende, è stato affidato al sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti. “Il primo decreto ha finito il suo percorso. Foia è legge”, scrive su Twitter il sottosegretario alla P.a Angelo Rughetti.

Il Freedom information act (Foia) consentirà un libero e più agevole accesso per i cittadini ai dati delle pubbliche amministrazioni. Il decreto che arriva sul tavolo dei ministri, fanno sapere fonti vicine al provvedimento, recepisce le indicazioni delle Commissioni di Camera e Senato, sul silenzio diniego e sull’assenza dei costi a carico dei cittadini per l’invio in forma digitale dei documenti. Dovrebbero anche essere state chiarite le eccezioni sollevate dal garante della privacy sul possibile contrasto con il nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali.

Il Freedom information act è uno dei cavalli di battaglia del ministro Madia che anche nei giorni scorsi ha ribadito l’importanza del provvedimento sulla trasparenza ricordando come ci “porterà a livelli di paesi più avanti di noi” e del quale è tornato a sottolineare l’importanza anche il commissario Anticorruzione, Raffaele Cantone e rappresenta soprattutto la pietra miliare di un cambiamento profondo di mentalità della concezione della p.a verso la trasformazione in una casa di vetro dove sarà più difficile l’annidarsi di inefficienza e corruzione.

In sintesi il decreto sulla p.a. “casa di vetro” prevede che ogni cittadino possa accedere senza alcuna motivazione ai dati in possesso della pubblica amministrazione e che, non possa ricevere un diniego alla sua richiesta di informazioni se non motivato.

L’accesso riguarda tutte le informazioni comprese quelle che riguardano l’affidamento di gare ed appalti. L’invio di documenti in via digitale dovrà essere gratis. In caso di un rifiuto inoltre il cittadino potrà fare ricorso. Un nodo riguarda quello delle limitazioni ai dati accessibili e cioè il confine tra trasparenza e privacy. Con il passaggio alle Commissioni di Camera e Senato è stata avanzata la richiesta di affidare all’Autorità anticorruzione la stesura delle linee guida per circoscrivere le eccezioni per l’accesso alle informazioni.

 

 

Leave a comment

Your email address will not be published.


*